Sintomi della carenza di vitamina D e come integrarla

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Le vitamine sono fondamentali per un corretto funzionamento del nostro organismo. La vitamina D non è un’eccezione: si tratta di una vitamina liposolubile che può essere ottenuta attraverso i cibi, ma è anche l’unica ad essere prodotta dal corpo umano con l’aiuto dei raggi del sole. La funzione principale della vitamina D è di permettere un corretto assorbimento del calcio nelle ossa, ma aiuta anche a mantenere la forza muscolare e l’equilibrio. Inoltre, partecipa anche all’assorbimento di fosforo e magnesio, migliorando stati di depressione, ipertensione, diabete e obesità. sintomi di una carenza di vitamina D, da verificare con un medico, sono vari e tutti diversi tra loro: stanchezza cronica, tristezza, sbalzi d’umore, ansia, insonnia, desiderio di ingerire cibi dolci, debolezza muscolare, vista sfocata. Per assicurarsi di non soffrire di una carenza di vitamina D basta fare una passeggiata sotto i raggi del sole ogni giorno. Inoltre, alcuni cibi possono aiutarci ad integrarla attraverso l’alimentazione.

Pesce azzurro. Salmone, trota, sardine, tonno, aringhe, acciughe e sgombro sono pesci grassi e ricchi di questa vitamina.

Uova. L’albume contiene proteine di alto valore biologico, oltre a contenere vitamina B12 e colesterolo.

Funghi e alghe. Gli champignon sono particolarmente ricchi di questa vitamina. Si suggerisce anche il consumo di alghe come la spirulina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy
error: Content is protected !!